Nuovi standard abitativi: comfort e risparmio

Spesso ci si lascia affascinare dall'estetica di una casa, dalla divisione degli spazi, dalla luminosità. Ora poniamo l'attenzione su aspetti come isolamento e qualità dei materiali. L'attestato di prestazione energetica definisce in modo molto preciso quanto l'edificio consuma nel suo ciclo di vita.

Chi si appresta ad acquistare un’abitazione, villetta o appartamento che sia, sta per comprare un bene che nella maggior parte dei casi durerà tutta la vita.

Per questo motivo, prima ancora dell’aspetto puramente estetico, bisognerebbe valutare la reale qualità dell’investimento studiando nel dettaglio come e con quali materiali (spesso non visibili) l’edificio è stato costruito.

Qualità in edilizia significa: qualità e risparmio energetici, qualità acustica, qualità dei materiali e soprattutto comfort.

125622-01-XXL

Attenzione alla certificazione

L’innovazione per quanto riguarda i parametri di giudizio di un edificio sta senza dubbio nella trasparenza con la quale devono esserne dichiarate le caratteristiche energetiche. La certificazione energetica prevista dal D.L. 192/2005 rappresenta un importante passo avanti in questa direzione.

Con l’applicazione del D.L. n. 63/2013, tutti gli edifici devono essere dotati di un attestato di prestazione energetica (ape) che definisce in modo molto preciso quanto l’edificio consuma nel suo ciclo di vita.
In altre parole, quello che fino a oggi è stato un argomento incomprensibile per la maggior parte delle persone, con la certificazione diventa un tema alla portata di tutti, determinante in fase di acquisto o di affitto di un immobile. Una pagella energetica (Classe A, Classe B), simile a quella degli elettrodomestici che deve accompagnare ogni contratto di compravendita o locazione.

Elementi che influenzano il consumo energetico di un edificio

Individuando i punti di debolezza o di perdita energetica di un fabbricato possiamo definire sei semplici categorie che corrispondono a diversi elementi: pareti, terreno, finestre, tetto, caldaia e ventilazione.

122601-01-XXL

Ognuna di queste categorie determina una porzione di consumo energetico. Comprendere, anche se in modo approssimativo, quali sono i valori in gioco permette di capire gli aspetti da controllare con cura nel caso di acquisto di un nuovo fabbricato, ma anche di capire quali sono le priorità nel caso in cui si volesse riqualificarne uno già esistente.

I cinque interventi fondamentali

Nel riqualificare un edificio si dovrebbero adottare tutte le strategie possibili: utilizzo di una caldaia più efficiente, sostituzione delle finestre, installazione di un rivestimento a cappotto, di materiale isolante sulla copertura e di un sistema di ventilazione forzata con recupero di calore.

Ma ci sono alcuni interventi che ottimizzano al massimo il rapporto costi-benefici.

Il primo intervento dovrebbe essere la sostituzione delle finestre esistenti.
Le vecchie finestre infatti, nonostante la loro superficie ridotta rispetto alle murature, rappresentano circa il 20/25% dei consumi complessivi. Sul mercato si trovano frequentemente serramenti con una trasmittanza termica inferiore a 1,5. La sostituzione delle vecchie finestre con nuovi serramenti dotati di vetri basso-emissivi riduce di 3/4 la dispersione di calore permettendo di ammortizzare il costo dell’investimento in pochissimi anni.

125754-01-XXL

In seconda istanza, specialmente per le mansarde, dovrebbe essere migliorato il pacchetto isolante della copertura. Lo spessore del pacchetto isolante non dovrebbe mai scendere sotto i 12 cm.
L’investimento è medio ma i benefici sono notevoli sia nella stagione invernale sia nella stagione estiva.

Il passo successivo dovrebbe essere la realizzazione di un rivestimento a cappotto dell’intero edificio.In qusto caso il costo dell’intervento è medio-alto soprattutto se il lavoro viene eseguito con cura. In molti casi devono infatti essere smontati tutti gli stipiti e i bancali in marmo delle finestre per permettere il corretto posizionamento dei pannelli isolanti. Anche in questo caso lo spessore dei pacchetti isolanti non dovrebbe mai essere inferiore ai 10 cm.

In seguito bisognerebbe sostituire la caldaia. Molto spesso si pensa che la caldaia sia la causa principale di consumi troppo elevati. In realtà la caldaia è responsabile solo del 10% delle perdite di calore. E’ inutile pertanto sostituire la caldaia di un edificio inefficiente che perde energia da tutte le parti. Per questo motivo, pur avendo un costo relativamente contenuto, è una delle ultime priorità .

Infine dovrebbe essere installato un sistema di ventilazione forzata con recupero di calore. Tali sistemi permettono di cambiare l’aria dei locali senza aprire le finestre quindi senza dispersioni termiche. La loro efficacia tuttavia è garantita solo nel caso di installazione in edifici ben isolati.

Comfort e risparmio

Come detto, gli edifici di nuova costruzione devono essere dotati di certificato energetico e quindi essere progettati secondo determinati criteri.
La consapevolezza delle problematiche di progetto permetterà quindi anche a un privato di valutare, seppur in modo superficiale, se gli edifici che intende acquistare o possiede hanno determinati requisiti e di definire le possibili modalità di intervento. Tutto questo con l’attenzione rivolta al risparmio energetico e al comfort.

foto autore
Silvia Torneri

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX

I commenti degli utenti

raivald
buongiorno, qualcuno mi sa dare informazioni relative ad un rivestimento interno di un sottotetto non abitabile. Per il momento ci sono le pignatte a vista.Vorrei rivestirlo con pannelli di legno e magari un minimo di isolamento. Rifacciamo il tetto condominiale ma non vedo la necessita' di coibentare quella parte di casa in quanto non la utilizzo se non come magazzino. Anticipatamente ringrazio Rispondi
marta
salve, per sostituire un lucernario con un lucernario esterno ho bisogno dei permessi del mio comune? grazie e cordiali saluti Marta Rispondi
francesco1
Tra breve dovrò costruire la casa in campagna dove la zona climatica nel 2010 prevede una trasmittanza termica U=0,28. Dispongo di uno spessore di 45 cm di cui 15-20 servono per il rivestimento esterno in pietrame. Secondo Voi come posso risolvere il problema dell'isolamento? In attesa di un gradito riscontro porgo cordiali saluti ed infiniti ringraziamenti. Francesco Rispondi
la_redazione_di_casa-luce.it
Gentile Alfio, per poterle rispondere con precisionee le chiediamo di specificare la data di acquisto dell'appartamento (1997 o 2007?) e di chiarire meglio a quale appartamento è riferito il progetto di costruzione presentato una decina di giorni prima della legge, specificando la data di presentazione. Rispondi
alfio
Buon giorno; Ho comprato un apèpartamento nel maggio del 1997. Il progetto di costruzione per ottenere la licenza edilizia è stata presentata al Comune di Messina è stata presentata una diecina di giorni prima della legge che prevedeva la certificazione energetica. Anche il'appartamento che ho acquistato nel 2007 rientra fra queglòi immobili che devono essere accompagnati dal certificato energetico ? Grazie anticipatamente. Cordiali e distinti saluti. Rispondi
la_redazione_di_casa-luce.it
buongiorno Ciro, normalmente per interventi edilizi che non comportano l'incremento di volume o di superficie di un edificio, quali ad esempio l'apertura di nuovi fori sul tetto, è necessario richiedere una DIA (Dichiarazione di Inizio Attività ) al proprio comune di residenza. In ogni caso le consigliamo di rivolgersi al suo comune per verificare, a seconda del Regolamento edilizio comunale, i permessi necessari ed eventuali limiti o vincoli per la sua zona di residenza. Rispondi
ciro
quali permessi ci vogliono x istallare 2 lucernari nella mia mansarda Rispondi
silver
Chiaro e interessante... Qualcuno sa indicarmi dove posso trovare approfondimenti sulla certificazione energetica??? Tks :-D Rispondi
alan47
Tutto ok! tornerò per esaminare meglio ... Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX