foto autore
Elena Liziero

IVA agevolata al 10% per le ristrutturazioni

La legge di Stabilità ha reso permanente l’Iva al 10% per interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria di recupero del patrimonio edilizio.

Per i lavori di restauro e manutenzione realizzati sugli immobili a prevalente destinazione privata è prevista l’aliquota IVA agevolata del 10%. La legge ha distinto due diversi ambiti di applicazione: i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, e i lavori svolti all’interno di un restauro. Se si cambiano gli infissi di casa, l’IVA agevolata si applica in due modi diversi, a seconda dei lavori in cui rientrano (punto 1 o 2 qui di seguito illustrati).

1 – Agevolazione per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria

In caso di manutenzione ordinaria (es. piccole riparazioni eseguite sul fabbricato o sui relativi impianti tecnologici, o prestazioni di manutenzione obbligatoria periodica) e straordinaria (es. sostituzione infissi e serramenti) su immobili residenziali, l’IVA agevolata al 10% si applica alle prestazioni di servizi intese come prestazioni di lavoro e forniture di materiali e beni, purché questi ultimi non costituiscano una parte significativa del valore della prestazione complessiva.

Per i beni che costituiscono una parte significativa di detto valore, l’aliquota del 10 % si applica solo fino alla concorrenza della differenza tra il valore complessivo della prestazione e quello dei beni.

Elenco dei beni considerati di valore significativo

• ascensori e montacarichi;
• infissi esterni ed interni;
• caldaie;
• videocitofoni;
• apparecchiature di condizionamento e riciclo dell’aria;
• sanitari e rubinetterie da bagno;
• impianti di sicurezza.

Esempio di calcolo dell’IVA agevolata al 10%

Esempio di applicazione dell’IVA agevolata nel caso di installazione di nuove finestre (che sono considerate un bene di valore significativo):

– Costo complessivo dell’intervento, al netto Iva: 1.400 euro
– Valore degli infissi (bene significativo): 1.000 euro
– Mano d’opera: 1.400 – 1.000 = 400 euro
– Imponibile IVA agevolata al 10%: 400 x 2 = 800 euro
– Imponibile IVA al 22%: 1.400 – 800 = 600 euro

Se il valore del bene significativo non supera la metà del valore totale, tutta la prestazione avrà l’IVA al 10 %.
Per l’applicazione dell’IVA al 10% non è necessario alcun adempimento, come invece per la detrazione Irpef del 50%.
Inoltre non è necessario inviare alcuna comunicazione all’Agenzia delle Entrate, né è richiesto il pagamento con bonifico.

Quando l’IVA agevolata al 10% per le ristrutturazioni non si applica?

L’IVA agevolata non si applica in caso di:

– materiali o beni forniti da un soggetto diverso da quello che esegue i lavori;
– materiali o beni acquistati direttamente dal committente;
– prestazioni professionali, anche se inerenti agli interventi di recupero edilizio, in quanto esse non hanno ad oggetto la realizzazione materiale dell’intervento ma vi risultano connesse in maniera indiretta;
– prestazione di servizi, in esecuzione di subappalti. In quest’ultimo caso il valore della prestazione in subappalto deve essere fatturato alla ditta appaltatrice con l’aliquota ordinaria del 20 % e successivamente riaddebitata da quest’ultima al committente con l’aliquota al 10%.

2 – IVA agevolata per lavori di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione

Per tutti gli altri interventi di recupero edilizio è sempre prevista, senza alcuna data di scadenza, l’applicazione dell’aliquota IVA del 10%.

Si tratta, in dettaglio:

A. delle prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto o d’opera relativi alla realizzazione degli interventi di:
– restauro
– risanamento conservativo
– ristrutturazione.

B. dell’acquisto di beni, con esclusione di materie prime e semilavorati, forniti per la realizzazione degli stessi interventi di restauro, risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, individuate dall’articolo 3 del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia.

L’aliquota IVA del 10% si applica, inoltre, alle forniture dei cosiddetti beni finiti, vale a dire quei beni che, benché incorporati nella costruzione, conservano la propria individualità (per esempio, porte, infissi esterni, sanitari, caldaie, eccetera). In sostanza, se i lavori vengono svolti all’interno di un intervento di restauro, risanamento o ristrutturazione, non va fatta la distinzione tra manodopera e beni significativi, anche se si tratta di sostituzione finestre.

Per la richiesta di IVA agevolata al 10% nel caso di restauro o ristrutturazione, fa fede quanto riportato sulla S.C.I.A. o sul permesso di costruire del Comune: è quindi importante che il documento riporti la corretta dicitura, “Restauro e risanamento conservativo” oppure “Ristrutturazione Edilizia”. In mancanza di tale documentazione si applicherà l’IVA agevolata solo sulla manodopera e sulla parte dei beni significativi, come spiegato nell’esempio precedente.

L’agevolazione spetta sia quando l’acquisto è fatto direttamente dal committente dei lavori, sia quando ad acquistare i beni è la ditta o il prestatore d’opera che li esegue.

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti degli utenti

sofia
tutto questo vale anche per lavori effettuati da una società che poi nell'immobile ristrutturato andrà a svolgere attività commerciale?io non vedo preclusioni. grazie Rispondi
Silvia Torneri
ciao Sofia, direi di sì, ma per essere certa che il tuo caso specifico rientri tra quelli agevolati ti consiglio di chiedere il parere di un Professionista abilitato. Buona fortuna! Silvia Torneri - Redazione mansarda.it Rispondi
francesco
deve realizzare una serra tampone ( 25 m2) su un attico di appartenenza piu una copertura con tetto materiale coibentante con legno e tegole. Ho acquisito il relativo permesso di costruire del Comune. Vorrei sapere se rientro nell'IVA agevolata del 10% per tale realizzazione della copertura in legno; o tale agevolazione si intende solo per gli infissi? Rispondi
Silvia Torneri
ciao Francesco, l'iva agevolata non è solo per gli infissi, ma in generale per gli interventi di ristrutturazione. Per ogni dettaglio ti rimando al documento ufficiale dell'Agenzia delle Entrate clicca qui. Buona fortuna. Silvia TOrneri - Redazione mansarda.it Rispondi
michela
devo sostituire delle finestre sul tetto con delle nuove velux: vorrei sapere se rientro nel recupero del 65% e iva applicata su manodopera e materiale fornito ( velux e tenda elettrica in alluminio). grazie Rispondi
Silvia Torneri
Gentile Michela, la sostituzione di una vecchia finestra per tetti con una finestra VELUX di pari misura con prestazioni superiori dà diritto alla detrazione fiscale del 65% per il risparmio energetico. Anche la manodopera rientra nella detrazione. Per ulteriori informazioni ti consiglio di visitare il sito dell'Enea clicca qui. Buona fortuna, Silvia Torneri - Redazione mansarda.it Rispondi
Giuseppe
Grazie per i vostri consigli,devo ristrutturare un sottotetto ,e ho trovato tutto quello che mi serve.Desidero ricevere la vostra guida. Rispondi
Silvia Torneri
Salve Giuseppe, per scaricare la guida puoi cliccare qui e compilare con tutti i dati richiesti. Grazie per i tuoi complimenti. Buona giornata. Silvia Torneri - Redazione mansarda.it Rispondi
Giuseppe
Grazie di tutto Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide di Mansarda

Scopri tutti i vantaggi del vivere in mansarda