Idee per sfruttare le detrazioni del 65%

Le detrazioni del 65% sono state prorogate fino a fine anno. Per chi sta già ristrutturando un sottotetto o una mansarda, ecco delle idee per sfruttare gli incentivi più alti al meglio.

Le detrazioni del 65% per il miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici sono attive fino a fine anno. Per chi sta già ristrutturando un sottotetto o una mansarda, ecco delle idee per sfruttare gli incentivi più alti al meglio.

Diagnosi energetica dei ponti termici

Il primo passo è far eseguire una diagnosi energetica dell’edificio da parte di un esperto. Tra gli aspetti da verificare vi sono i muri, i tetti e gli infissi per individuare gli eventuali ponti termici, cioè i punti deboli dell’involucro dove il calore trova una via preferenziale per uscire e il freddo per entrare.

I ponti termici sono di due tipi:

  • strutturali quando c’è un cambio di materiale, per esempio si passa dalle travi in cemento armato alle pareti in laterizi
  • di forma, in presenza di un angolo.

In entrambi i casi gli effetti dei ponti termici sono negativi: la dispersione di calore, la condensa, l’umidità e le muffe.

Riqualificare il tetto

Recuperare il tetto ha tantissimi vantaggi: si abbattono i consumi di energia, si dimezzano le spese in bolletta e soprattutto si ottiene una stanza in più.

Open Space

Coibentare l’involucro

Il sistema più efficace per isolare un edificio e migliorare le prestazioni energetiche, usufruendo quindi delle detrazioni fiscali, è il cappotto esterno.

Il cappotto è un lavoro che si realizza in poche settimane (o pochi giorni, dipende dalla grandezza della superficie da isolare). Il cappotto consiste nella posa delle lastre isolanti, rete, rasatura e tempi di attesa per l’asciugatura dell’intonaco finale. Si riducono fino al 70 per cento i consumi di climatizzazione e riscaldamento. Sono tanti i materiali isolanti: polistirene espanso, la fibra di legno, il sughero, il poliuretano, la lana di roccia, la fibra di vetro. Se non si può agire dall’esterno – chi vive in condominio deve chiedere l’autorizzazione all’amministratore – c’è la coibentazione interna, ma non ha le stesse performance del cappotto.

Tetto ventilato

Un tetto in legno, coibentato, traspirante, a tenuta all’aria e ventilato, si realizza con un sistema a strati formato da tanti elementi, tra cui la struttura lamellare portante, almeno 16-20 centimetri di isolante, un telo traspirante impermeabile, i listelli di ventilazione, i listelli porta tegola e le tegole. Nella falda inclinata del tetto si realizza un’intercapedine: genera un flusso di aria dal basso verso l’alto e garantisce una casa senza umidità e con un clima ideale.

Le finestre

Coibentare il tetto e le pareti non basta. È fondamentale dotare la casa anche di serramenti performanti: i tripli vetri isolano circa il 45% in più rispetto a un doppio vetro. Le finestre, oltre a isolare, hanno un altro compito: far passare i raggi solari per il tepore domestico, un beneficio limitato dal triplo vetro. Per le zone della casa esposte ad Est, Ovest o a Sud si consigliano quindi i doppi vetri basso emissivi. Ricordiamo che dal 2018 gli incentivi per la riqualificazione energetica per quanto riguarda le finestre sono al 50%.

Le schermature solari e i pannelli solari

Rientrano nelle detrazioni del 65% i pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria. Per le schermature solari l’Ecobonus è pari al 50%. Le tende da sole esterne generano un abbattimento del calore pari all’85-90%, rispetto al 40-50% di quelle interne. Le tende sono molto utili anche nelle finestre per tetti e ne esistono anche di motorizzate, tramite un telecomando o sistemi domotici è possibile regolare la luce e il calore delle finestre più alte non raggiungibili manualmente.

foto autore
Elena Liziero

Articoli correlati

Vuoi saperne di più su come progettare una mansarda accogliente e funzionale?

Quali sono i requisiti normativi, come sfruttare la luce naturale e zenitale, come migliorare il comfort in mansarda. Nella guida “Progettare una mansarda” troverai tutto quello che c’è da sapere per dare più valore all’ultimo piano.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista?  Contatta un progettista del Club VELUX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzazione

Attico con camera da letto in mansarda

A Parigi la ristrutturazione di un attico ha portato al recupero del sottotetto trasformandolo in una mansarda luminosa in cui si trova la stanza da letto, un angolo studio e un bagno funzionale

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX