Ecobonus 2023: come funziona e per quali lavori edilizi puoi richiederlo

Se vuoi ristrutturare la tua mansarda o il soppalco, o se vuoi sostituire le finestre per tetti, ecco tutte le dritte per sfruttare l'Ecobonus anche nel 2023.

La Legge di Bilancio 2023 non riserva sorprese per quanto riguarda l’Ecobonus “classico”: potrai sfruttare questo incentivo con le due diverse percentuali di 65% o fino al 50% a seconda dei lavori che deciderai di svolgere nella tua mansarda.

Cos’è l’Ecobonus

L’Ecobonus è una detrazione fiscale sui lavori di miglioramento delle prestazioni energetiche della tua abitazione. Non ci sono particolari novità né scadenze strette perché questo incentivo è stato prorogato senza modifiche fino al 31 dicembre 2024.

L’Ecobonus in sostanza è una detrazione dall’imposta lorda, sia IRPEF che IRES, fino al 50% o pari al 65%, a seconda del tipo di spese, erogata in dieci rate annuali di uguale importo. Anche quest’anno, in alternativa alla detrazione rateizzata in 10 anni, puoi usufruire dell’Ecobonus classico anche con la cessione del credito o con lo sconto in fattura. Per la sostituzione delle finestre per tetti, per esempio, VELUX offre il vantaggioso sconto in fattura immediato.

Sostituisci le finestre per tetti VELUX e risparmia subito fino al 50% grazie allo sconto in fattura.

Scopri come funziona

Quali sono i lavori detraibili con l’Ecobonus al 65%?

Con l’Ecobonus i lavori che puoi detrarre al 65% sono i seguenti:

  • riqualificazione globale su edifici esistenti che devono conseguire un fabbisogno annuo di energia per la climatizzazione invernale non superiore ai valori riportati nelle tabelle di cui all’Allegato A del DM 11 marzo 2008 (modificato dal DM 26 gennaio 2010).
  • isolamento dell’involucro opaco (come ad esempio il rivestimento a cappotto o l’isolamento del tetto)
  • installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda
  • l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, acqua calda e climatizzazione
  • la sostituzione di impianti tradizionali con l’installazione di:
    – scaldacqua a pompa di calore al posto di quelli tradizionali
    – generatori ibridi
    – impianti dotati di caldaie a condensazione di efficienza pari alla classe A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti
    – micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, a condizione che l’intervento porti a un risparmio di energia primaria pari al 20%.

I lavori che puoi detrarre fino al 50% con l’Ecobonus sono invece:

  • sostituzioneacquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi e di schermature solari, porte esterne, portoncini
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili.

Puoi ottenere l’Ecobonus se ristrutturi immobili sia a destinazione residenziale che commerciale, però le stanze su cui effettui i lavori devono già essere dotate di un impianto fisso di riscaldamento.

Se decidi di sostituire le finestre per tetti della tua mansarda, è possibile utilizzare l’Ecobonus al 50% e puoi ottenere un vantaggio immediato con lo sconto in fattura.

Sostituzione delle finestre e massimali detraibili con l’Ecobonus

Per la sostituzione degli infissi, dal 2020 sono stati introdotti dei nuovi massimali di spesa ammissibili per l’Ecobonus, che variano a seconda della zona climatica e della dimensione della finestra.

Per le zone climatiche più miti – A, B e C – il limite è di 550€ a metro quadro (dimensioni del foro finestra) e aumenta a 650€ se c’è una chiusura oscurante, come una persiana o una tapparella. Per le zone climatiche più fredde – D, E ed F – i massimali di spesa sono di 650€ a mq per il serramento, 750€ a mq se è inclusa anche la chiusura oscurante.

condominio

Ecobonus 2023 per i condomini

Se abiti in condominio, le percentuali di detrazione dell’Ecobonus sono più alte.

Ai lavori eseguiti sulle parti comuni di edifici condominiali (ad esempio l’isolamento a cappotto) spetta una detrazione del 70% nel caso interessino più del 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio. Possono ottenere una detrazione ancora maggiore, del 75%, se migliorano la prestazione energetica invernale ed estiva almeno pari alla qualità media prevista dal DM 26 giugno 2015.

Ecobonus e Sismabonus 2023 in condominio

Sono previsti incentivi ancora più vantaggiosi per i lavori sulle parti comuni degli edifici condominiali situati nelle zone sismiche più a rischio (1, 2 e 3) che hanno il doppio obiettivo di ridurre il rischio sismico e di migliorare le prestazioni energetiche.

A questi lavori viene riconosciuta una detrazione dell’80% se ottengono il passaggio a una classe di rischio inferiore, e dell’85% in caso di miglioramento di due classi di rischio.

Vuoi cambiare le vecchie finestre e risparmiare fino al 50%?

Scarica la guida all’Ecobonus

Super Ecobonus 2023: dal 110 al 90%

Anche il super Ecobonus è ancora attivo 2023, ma con alcune restrizioni e nuove caratteristiche e scadenza. Innanzitutto la percentuale di detrazione è scesa al 90%, inoltre per potervi accedere devi rientrare nel cosiddetto quoziente familiare di 15 mila euro. Il quoziente tiene conto del reddito ma anche del numero di familiari conviventi.

Restano confermati i lavori principali o trainanti del super Ecobonus, ovvero:

  • lavori di isolamento termico dell’edificio, compreso il tetto, che riguardino oltre il 25% della superficie (tutti gli interventi di coibentazione del tetto sono trainanti)
  • sostituzione degli impianti esistenti di riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda
  • interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali per la sostituzione degli impianti di
    climatizzazione invernale.

Se hai le carte in regola per rientrare nei Superbonus 2023, potrai detrarre al 90% anche tutte le altre spese legate a lavori di miglioramento energetico della tua abitazione, come per esempio la sostituzione degli infissi.

Resta confermato il fatto che per ottenere il super Ecobonus devi migliorare di due classi energetiche la tua casa o mansarda. Il super Ecobonus 2023 può essere erogato o sotto forma di detrazione Irpef in 10 anni, o con la cessione del credito oppure con lo sconto in fattura.

Copia il link e condividi Link copiato!

Data:

Autore:

Elena Liziero
Realizzazione

Il recupero di una casa antica con mansarda

La sovrapposizione di epoche storiche e stili architettonici diversi caratterizza questa affascinante casa su più livelli e con una luminosa mansarda.

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX