Le norme per creare una mansarda in condominio

Sei proprietario della soffitta sopra al tuo appartamento e vorresti trasformarla in una nuova stanza? Ecco i suggerimenti per capire se e come farlo.

Quando un sottotetto è condominiale

La natura del sottotetto di un edificio è, in primo luogo, determinata dai titoli edilizi.

Quando non c’è alcuna specifica nei titoli, può ritenersi comune se esso risulti, per le sue caratteristiche strutturali e funzionali, oggettivamente destinato (anche solo potenzialmente) all’uso comune o all’esercizio di un servizio di interesse comune.

La proprietà esclusiva del sottotetto è da escludere in tutti i casi in cui:

  • i condomini possono facilmente accedervi
  • all’interno ci sono gli impianti condominiali
  • il sottotetto funge da accesso al tetto e/o da passaggio dei cavi delle antenne e degli sfiati delle cucine
  • è adibito a ripostiglio, stenditoio e/o spazio per serbatoi d’acqua da parte di tutti i condomini.

Il sottotetto può considerarsi, invece, pertinenza dell’appartamento sito all’ultimo piano solo quando assolva alla esclusiva funzione di isolare e proteggere l’appartamento medesimo dal caldo, dal freddo e dall’umidità, tramite la creazione di una camera d’aria e non abbia dimensioni e caratteristiche strutturali tali da consentirne l’utilizzazione come vano autonomo.

Salotto

Si può trasformare un sottotetto condominiale in mansarda solo dopo aver verificato di rispettare le norme richieste, onde evitare spiacevoli controversie.

Il proprietario del sottotetto condominiale, dopo avere verificato di avere la proprietà esclusiva di tale vano, può decidere di trasformare la soffitta in una vera e propria unità abitativa.

In questo caso si è in presenza di un mutamento di destinazione d’uso dell’immobile, realizzabile previa autorizzazione del Comune, a condizione che:

  • la legislazione regionale e, ove presente, quella comunale, ammettano questa modifica della destinazione d’uso
  • il regolamento (contrattuale) di condominio non contenga alcun espresso divieto in materia.

I singoli condomini sono legittimati a opporsi alla trasformazione del sottotetto in locale abitabile solo nel caso in cui potrebbero lamentare pregiudizi alla sicurezza o alla stabilità dell’edificio, o comunque danni che potrebbero conseguire al concreto svolgimento delle attività inerenti alla nuova destinazione. Per prevenire questo, bisogna eseguire lavori a regola d’arte, usufruendo della consulenza di un professionista che saprà indicare anche il tipo di permesso richiesto dal proprio Comune.

foto autore
Elena Liziero

Articoli correlati

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzazione

Mansarde in montagna per le vacanze

Che sia una seconda casa, uno chalet affittato per l'occasione o un albergo, la scelta di stare in mansarda ha sempre un grande fascino in inverno, soprattutto in montagna, dove al tetto in legno e all'atmosfera intima si aggiungono la neve e il calore del fuoco.

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX