foto autore
Elena Liziero

Come sfruttare tutti gli spazi di un sottotetto

Un sottotetto spesso ha zone troppo basse per essere abitabili: quelle che si creano nei punti in cui il tetto si interseca con il solaio. Ecco quattro idee per sfruttarle al meglio.

Un sottotetto spesso ha zone troppo basse per essere abitabili: quelle che si creano nei punti in cui il tetto si interseca con il solaio. Ecco quattro idee per sfruttarle al meglio.

Questi spazi angusti vanno considerati come delle preziose opportunità: si possono infatti creare nuovi vani ripostiglio, inoltre, ai fini del recupero stesso, è possibile, secondo la maggior parte delle leggi regionali, escludere questi spazi ai fini del calcolo delle altezze e dei volumi abitabili.Sottotetto
L’altezza media ponderale richiesta dalla legge si calcola infatti dividendo il volume della zona con altezza minima per la superficie della zona con altezza minima. L’altezza minima è stabilita dalla legge regionale (qui ci sono i link alle Leggi Regionali per il recupero dei sottotetti).
Ecco quattro soluzioni per sfruttare al meglio gli spazi bassi e non recuperabili:

1 – Chiusura delle zone basse
Nei casi in cui la Legge Regionale obblighi alla chiusura in corrispondenza dell’altezza minima consentita per ottenere l’abitabilità degli spazi oggetto di recupero, un’opportunità interessante è quella di destinare questi spazi a vani ripostiglio o armadio. Ovviamente vanno fatti su misura e, se si usa lo stesso colore e/o materiale del muro e del tetto (legno o cartongesso), si possono creare degli interessanti effetti, realizzando ripostigli nascosti trompe l’oeil, nicchie o cabine armadio.

2 – Apertura di finestre nei punti bassi
In alcuni casi la legge regionale obbliga alla chiusura delle zone al di sotto dell’altezza minima abitabile consentita, salvo in corrispondenza di fonti di luce diretta. Installare finestre per tetti in posizione bassa è un modo per sfruttare gli spazi non recuperabili del sottotetto. Questo permette di fruire al massimo della luce naturale, dell’affaccio e della visuale.

3 – Realizzazione di terrazze
Dove possibile, è sempre interessante ricavare all’interno della sagoma del tetto dei terrazzini a vasca o dei camminamenti lungo il perimetro del tetto. Ricavare un terrazzo nel sottotetto ha un doppio vantaggio: si crea un’apertura verso l’esterno e si aumenta il valore dell’immobile.

4 – Doppia altezza e taglio del solaio
Qualora il sottotetto sia di pertinenza dell’abitazione sottostante, una delle possibilità per valorizzarlo è quella di aprire il solaio intermedio nella parte con altezza minima, in modo da creare uno spazio a doppia altezza, ovvero un soppalco. Questa soluzione amplia otticamente sia la mansarda che l’appartamento sotto, valorizzandolo.

 

 

Vuoi saperne di più su come progettare una mansarda accogliente e funzionale?

Quali sono i requisiti normativi, come sfruttare la luce naturale e zenitale, come migliorare il comfort in mansarda. Nella guida “Progettare una mansarda” troverai tutto quello che c’è da sapere per dare più valore all’ultimo piano.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista?  Contatta un progettista del Club VELUX
Realizzazione

Come sfruttare tutti gli spazi di un sottotetto

Un sottotetto spesso ha zone troppo basse per essere abitabili: quelle che si creano nei punti in cui il tetto si interseca con il solaio. Ecco quattro idee per sfruttarle al meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti degli utenti

giancarlo
Mi scusi se approfitto della sua professionalita' e pazienza, dovrei recuperare un bagno abitabile in un localino sottotetto confinante con altro locale non abitabile ma altezza di 3,15 mt con tutte le misure a norma, ma mi hanno detto che dalla scala a chiocciola al bagno (30 cm) dovrei fare un antibagno con tavolati perche passiamo da un locale agibile ma non abitabile e indi per cui dal locale sottostante abitabile al bagno recuperato deve essere zona tutta omogenea. E corretta questa cosa. Grazie tante Rispondi
Silvia Torneri
Gentile Giancarlo, purtroppo non abbiamo tutti gli elementi per rispondere alla tua richiesta. Ti consiglio di rivolgerti a un tecnico abilitato o all'Ufficio Tecnico del Comune in cui è situato l'immobile, che sarà in grado di verificare quanto necessario. Un saluto. Silvia Torneri - Redazione mansarda.it Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide di Mansarda

Scopri tutti i vantaggi del vivere in mansarda