foto autore
Elena Liziero

Detrazione Irpef del 50%: ristrutturare casa costa la metà

Fino al 31 dicembre 2018 ristrutturare casa costa la metà: la detrazione fiscale del 50% è prorogata.

Avete un sottotetto da recuperare o volete ristrutturare casa, ma non lo avete ancora fatto perché sarebbe una spesa troppo elevata per le vostre tasche?

Ora potete farlo.

Con la Legge di Stabilità 2018 è stata nuovamente prorogata fino al prossimo 31 dicembre la detrazione del 50% per le ristrutturazioni  (inizialmente prevista dal cosiddetto Decreto Sviluppo DL n.83-2012 che aveva innalzato la percentuale dei bonus dal 36% al 50% per incentivare le ristrutturazioni degli edifici).

La percentuale delle detrazioni Irpef per le ristrutturazioni edilizie rimane al 50%, così come l’importo massimo detraibile per ogni unità abitativa resta pari a 96.000 euro.
La manovra è importante per il rilancio del settore delle costruzioni, ma risulta vantaggiosa anche per i privati che vogliono ristrutturare casa.

Inoltre, sui lavori e i materiali è prevista l’aliquota Iva agevolata al 10%.

Infine, non è più richiesta la comunicazione preventiva di inizio lavori al Centro Operativo di Pescara dell’Agenzia delle Entrate, a condizione che nel Modello Unico e nel 730 siano indicati i dati catastali identificativi dell’immobile.
E’ invece sempre necessario essere in possesso degli altri documenti validi per l’attività edilizia (SCIA, concessione edilizia, etc.).
L’importo deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi a partire dall’anno successivo e va ripartita in 10 anni.

 

Come fare?

Importante! Per beneficiare della detrazione Irpef al 50%, le spese di ristrutturazione devono essere pagate all’impresa edilizia con bonifico bancario tracciabile in cui devono essere indicati:

• la causale del versamento
• il codice fiscale del destinatario della detrazione
• il numero della partita IVA o il codice fiscale del beneficiario

Se il bonifico risulta incompleto non è possibile beneficiare della detrazione al 50% (le banche stesse hanno moduli specifici). È dunque importante conservare le fatture e le ricevute fiscali per gli acquisti di materiali e le prestazioni professionali detraibili, come pure bisogna conservare le ricevute dei bonifici come prova di pagamento.

E per il risparmio energetico?

Per quanto riguarda gli interventi volti alla realizzazione di opere per l’efficienza e il risparmio energetico, con particolare attenzione all’installazione di impianti basati sull’impiego di fonti rinnovabili, anche in assenza di opere edilizie propriamente dette, è stato previsto un prolungamento della detrazione Irpef  fino al 31 dicembre 2018, ma con alcuni distinzioni.

Resta del 65% la detrazione per i lavori di: riqualificazione energetica, isolamento termico di edifici o parti di essi per superfici verticali e orizzontali.

La detrazione per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale è stata modificata. In dettaglio, dal 2018, la detrazione per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione spetta nella misura del 50 per cento, ma solo se l’efficienza della caldaia è pari almeno alla classe A.
Se, però, all’impianto dotato di caldaia a condensazione in classe A si uniscono sistemi di termoregolazione evoluti, la detrazione sale al 65 per cento. Resta la detrazione del 65 per cento delle spese anche se i vecchi impianti di climatizzazione invernale vengono sostituiti da impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione «assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro». Detrazione del 65 per cento anche per le spese sostenute per l’acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

Dal 1° gennaio 2018 scende al 50 per cento la detrazione per la sostituzione di infissi e per l’acquisto di schermature solari che migliorino le prestazioni energetiche di un edificio.

Per le spese relative a lavori di risparmio energetico è ancora valido l’obbligo di inviare per via telematica all’Enea, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, tutta la documentazione necessaria (una copia dell’attestato di certificazione o qualificazione energetica e la scheda informativa degli interventi realizzati).
Anche in questo caso l’importo deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi a partire dall’anno successivo ed è detraibile in 10 anni (con rate di uguale importo), indifferentemente per tutti i contribuenti.

Beneficiari
I beneficiari dell’incentivo sono persone fisiche che possiedono un immobile, a qualsiasi titolo (proprietari, affittuari, locatari, usufruttuari, soci di imprese, etc.).
Se l’abitazione è cointestata, il bonus viene suddiviso tra i proprietari e può essere utilizzato anche solo dal contribuente detentore dell’unità abitativa.
Ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile, purché sostenga le spese, con fatture e bonifici a lui intestati.
In caso di vendita (o cessioni a titolo gratuito) di un immobile ristrutturato, la detrazione delle rate residue può restare al venditore o invece essere trasferita all’acquirente. Gli Enti locali non sono ammessi alla detrazione, in quanto non sono soggetti Irpef.

 

Interventi edilizi agevolabili:

  •  Manutenzione ordinaria e straordinaria
  • Opere di restauro e risanamento conservativo
  • Ristrutturazione edilizia
  • Ricostruzione o ripristino a seguito di eventi calamitosi
  • Adozione di misure antisismiche
  • Eliminazione di barriere architettoniche
  • Realizzazione di autorimesse e posti auto pertinenziali
  • Adozione di misure finalizzate a prevenire atti illeciti da terzi
  • Cablatura degli edifici e contenimento dell’inquinamento acustico
  • Bonifica dell’amianto
  • Opere volte a evitare infortuni domestici
  • Risparmio energetico

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX
Realizzazione

Detrazione Irpef del 50%: ristrutturare casa costa la metà

Fino al 31 dicembre 2018 ristrutturare casa costa la metà: la detrazione fiscale del 50% è prorogata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti degli utenti

giancarlo
Sicuramente l'agevolazione fiscale aiuta sia chi esegue le ristrutturazioni , sia chi beneficia della ristrutturazione. Spero che il Governo non tolga questo tipo di agevolazione e non riduca le percentuali. Rispondi
MAROTTA CARLO
Ho semplicemente sostituito un lucernaio; occorre anche in questo caso la DIA? Rispondi
Silvia Torneri
Salve Carlo, per la sostituzione di una finestra per tetti con una nuova finestra di pari dimensioni non è necessario richiedere alcun tipo di permesso. Buona giornata. Silvia Torneri - Redazione mansarda.it Rispondi
Moise
Buongiorno, qualcuno ha maggiori informazioni riguarda la recente proposta di legge del CNA riguardo l'anticipo della banca del bonus?Ho trovato qualche link come questo: http://www.leggioggi.it/2016/07/13/bonus-ristrutturazione-2016-come-cambia-anticipo-della-banca-come-funziona/ma nessuno accenna ad eventuali tempistiche o informazioni più approfondite.grazie. Rispondi
la_redazione_di_casa-luce.it
Gentile Carmine, sul sito dell'Agenzia delle Entrate puoi trovare tutti i dettagli. Agenzia delle Entrate Rispondi
carmineparise
buongiorno, su vari forum leggo che non è più possibile spalmare in 3/5 anni la detrazione per le persone con età maggiore di 75 anni. Potreste per favore indicarmi la norma/provvedimento aggiornata. Grazie Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide di Mansarda

Scopri tutti i vantaggi del vivere in mansarda