Scia e permesso di costruire: nuove regole

Scia e Scia alternativa al permesso di costruire: ecco le nuove regole sui titoli abilitativi direttamente nel testo unico dell’edilizia (dpr 380).

Scia e la “Scia alternativa al permesso di costruire” (la vecchia super-DIA): ecco le nuove regole sui titoli abilitativi direttamente nel testo unico dell’edilizia (dpr 380).

Il Consiglio dei Ministri n. 120 del 15 giugno 2016 ha approvato preliminarmente il nuovo “decreto Scia 2” in attuazione della delega di cui all’articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di semplificazione in edilizia.

La bozza di decreto disciplina in modo preciso gli interventi realizzabili mediante Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) e mediante Scia alternativa al permesso di costruire (la vecchia super-DIA), modificando alcuni articoli del dpr 380/2001 (testo unico edilizia).

La bozza di decreto modifica l’art. 22 del dpr 380/2001 e definisce i seguenti interventi realizzabili mediante Scia:

  • interventi di manutenzione straordinaria sulle parti strutturali degli edifici
  • interventi di restauro e risanamento conservativo sulle parti strutturali degli edifici
  • interventi di ristrutturazione edilizia che non comportino modifiche di volumetria, cambio di destinazione d’uso nei centri storici, cambio di sagoma degli edifici vincolati.

esternoResta invece necessario assoggettare a Cila (Comunicazione di inizio lavori asseverata da tecnico abilitato) la modifica della destinazione d’uso dei locali adibiti ad esercizio di impresa e tutti gli interventi non ricompresi in quelli che necessitano della Scia e del permesso di costruire.

Al posto della Super-DIA, cioè Dia alternativa al permesso di costruire, debutterà la Scia alternativa al permesso di costruire.

In particolare, gli interventi realizzabili con Scia alternativa al permesso di costruire sono:

  • interventi di ristrutturazione con modifiche sostanziali come variazioni alla volumetria e ai prospetti
  • cambio di destinazione d’uso degli edifici nel centri storici
  • cambio di sagoma degli edifici vincolati
  • interventi di nuova costruzione o ristrutturazione urbanistica disciplinati da piani attuativi e accordi negoziali che contengono precise disposizioni plano-volumetriche, tipologiche, formali e costruttive
  • interventi di nuova costruzione in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali recanti precise disposizioni plano-volumetriche.
foto autore
Elena Liziero

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX