Come scegliere finestre con vetri a norma

Lo sapevi che anche i vetri delle finestre devono sottostare a rigide normative? Se non sono a norma, si rischiano una sanzione amministrativa e perfino dei procedimenti penali. Qui trovi le normative sui vetri delle finestre e i consigli per scegliere finestre a norma di legge.

La norma sui vetri in edilizia

In Italia la legge che regola l’utilizzo dei vetri è la UNI 7697: stabilisce i criteri di sicurezza, secondo lo scopo del vetro e il campo di applicazione.

La norma fornisce i criteri di scelta dei vetri da usare in edilizia, sia per esterni che per interni, con l’obiettivo di normare la scelta di vetri che assicurino le migliori prestazioni (di isolamento, per esempio) e siano rispettati i requisiti necessari per garantire la sicurezza (con vetri antisfondamento, per esempio).

La norma UNI 7697 definisce che le pensiline, le tettoie, i lucernari o similari, indipendentemente dalla destinazione d’uso, devono avere il vetro interno stratificato di sicurezza. La legge dichiara che sul lato interno del vetro camera non sono ammessi vetri temprati di sicurezza.

La norma specifica inoltre che negli ambienti aperti al pubblico è obbligatorio utilizzare vetri interni stratificati con classe di resistenza 1(B)1 (anti-caduta nel vuoto UNI EN 12600) o in alcuni casi 2(B)2 (anti-ferita UNI EN 12600). La classe 1(B)1 è migliore della 2(B)2. Anche negli ambienti pubblici sul lato interno del vetro camera non sono ammessi vetri temprati di sicurezza.

I rischi se si acquistano finestre non a norma

Per la mancata osservanza di un requisito collegato alle prestazioni termiche e/o acustiche si incorre in una sanzione amministrativa o si può ovviare con una soluzione tecnica (sostituendo le vetrate). Per la mancata osservanza di un requisito di sicurezza dei vetri si rischia molto di più: si può infatti incorrere in un procedimento penale per lesioni colpose o omicidio colposo, in caso di gravi incidenti domestici.

camera da letto

Tutte le finestre per tetti installate in ambienti abitati o non adeguatamente protetti devono essere dotate di vetro camera interno stratificato di sicurezza classe 1B1 EN 12600.

Chi ha la responsabilità dei vetri installati?

Vediamo ora quali sono le figure coinvolte nella scelta, nell’installazione e nell’uso delle finestre per tetti e, di conseguenza, dei vetri:

  • il progettista architettonico: chi si occupa del progetto in chiave estetica, ma non definisce le particolarità costruttive, non ha responsabilità
  • il progettista esecutivo, colui che definisce le modalità costruttive e prestazionali è sempre responsabile
  • il direttore dei lavori: deve assicurarsi che il prodotto installato sia a norma ed è responsabile per definizione
  • il rivenditore della finestra: è un soggetto consapevole che deve conoscere le norme dei prodotti che vende. Ha il semplice compito di informare il cliente nel caso di vendita al banco, ma è sempre responsabile in caso di sopralluogo e/o consulenza in cantiere
  • l’installatore: si intende colui che ha in carico la commessa, non il montatore semplice terzo che esegue il solo montaggio seguendo indicazioni. In caso di mancanza del progettista esecutivo o del direttore dei lavori, assume la figura di progettista, ed è quindi responsabile
  • l’impresa edile che acquista il materiale: di solito acquista i serramenti che poi rivende al suo committente insieme a tutto l’immobile, è quindi acquirente esperto e consapevole, soggetto a varie norme per le costruzioni che deve ben conoscere; deve acquistare i componenti con cognizione di causa e accertarsi che rispettino le normative. Generalmente è sempre responsabile
  • il committente finale: privato o pubblico, se acquista una finestra, questo presuppone che essa sia in regola rispetto alle norme tecniche per l’uso a cui viene destinato. Generalmente non è mai responsabile: per eventuali danni o cause deve quindi fare riferimento alle figure responsabili sopra citate.

Per non correre rischi e per scegliere la finestra con le vetrate più adatte il consiglio è quello di affidarsi a tecnici esperti che ti aiutano sia nel progettare al meglio gli spazi e la disposizione delle finestre, che a scegliere prodotti a norma e con le caratteristiche migliori per le tue specifiche esigenze.

foto autore
Elena Liziero

Articoli correlati

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzazione

Ristrutturazione di una casa con zona notte in mansarda

Grazie ad un'attenta ristrutturazione, un ex edificio industriale è stato trasformato in una casa luminosa, capace di sfruttare anche gli spazi del sottotetto per la zona notte.

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX