I nuovi modelli necessari per ristrutturare

Buone notizie per chi deve fare lavori in casa, come ad esempio ristrutturare il sottotetto: ora potrà contare su una modulistica più semplice e unica su tutto il territorio nazionale e una riduzione degli adempimenti.

Grazie all’accordo del 4 maggio 2017 in Conferenza Unificata tra Governo, Regioni ed enti locali, è stata raggiunta l’intesa sui nuovi moduli unificati e standardizzati per comunicazioni e istanze nei settori dell’edilizia e delle attività commerciali.

Nuovi moduli unici per l’edilizia

La modulistica per i titoli abilitativi edilizi è stata adeguata alle novità introdotte al Dlgs 126/2016 e Dlgs 222/2016. I moduli sono i seguenti:

SCIA

La SCIA serve per:
– gli interventi di manutenzione straordinaria sulle parti strutturali dell’edificio
– interventi di restauro e di risanamento conservativo riguardanti le parti strutturali dell’edificio (anche del sottotetto)
– interventi di ristrutturazione edilizia
– le varianti a permessi di costruire che non modificano parametri urbanistici e volumetrie, destinazione d’uso, categoria edilizia e che non alterano la sagoma degli edifici vincolati
– le varianti a permessi di costruire che non portano a una variazione essenziale, ma solo se sono conformi alle prescrizioni urbanistico-edilizie e attuate dopo l’acquisizione degli eventuali atti di assenso richiesta dalla normativa sui vincoli paesaggistici, idrogeologici, ambientali, di tutela del patrimonio storico, artistico e archeologico e prescritti dalle altre normative di settore.

SCIA alternativa al permesso di costruire

Serve per interventi più “pesanti”:
– ristrutturazione edilizia che porti a un organismo edilizio del tutto o solo in parte diverso dal precedente e che comporti modifiche della volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti (es. ristrutturazione sottotetto con innalzamento dell’altezza)
– ristrutturazione edilizia che, solo per gli immobili nei centri storici, comporti un cambio della destinazione d’uso (es. recupero di un ex loft industriale per renderlo abitazione privata)
– interventi che comportino modifiche della sagoma di immobili sottoposti a vincoli
– interventi di nuova costruzione o di ristrutturazione urbanistica se sono disciplinati da piani attuativi, o accordi negoziali che valgono come piano attuativo, che contengono precise disposizioni plano-volumetriche, tipologiche, formali e costruttive
– interventi di nuova costruzione effettuati in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali che contengono precise disposizioni plano-volumetriche.

CILA

La CILA (Comunicazione di inizio lavori asseverata) verrà utilizzata per gli interventi per cui non servono SCIA o Permesso di costruire e per i casi in cui non si tratta di attività edilizia libera

CIL

Il CIL serve solo per opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee

Il permesso di costruire

Secondo l’art. 10 del dpr 380/2001, serve per:
– gli interventi di nuova costruzione
– gli interventi di ristrutturazione urbanistica
– gli interventi di ristrutturazione edilizia che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino modifiche della volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d’uso, nonché gli interventi che comportino modificazioni della sagoma di immobili sottoposti a vincoli ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni.

Infine c’è la Comunicazione di fine lavori ed è stata adottata la modulistica per la SCIA ai fini dell’agibilità, che, secondo il Governo, consentirà di sostituire i circa 150.000 certificati di agibilità che ogni anno sono rilasciati in Italia.

Non devono più essere richiesti certificati, atti e documenti che la pubblica amministrazione già possiede (per esempio i precedenti titoli abilitativi edilizi, gli atti di proprietà, la visura catastale e il DURC).

Rispetto al passato, vengono ridotti gli adempimenti a carico dei cittadini: vengono richiesti solo gli elementi che consentano all’amministrazione di acquisirli o di effettuare i relativi controlli.

Per le attività commerciali non è più richiesta la presentazione delle autorizzazioni, segnalazioni e comunicazioni preliminari all’avvio dell’attività ma esse vengono acquisite dallo sportello unico per le attività produttive (SUAP): è sufficiente presentare una domanda (CILA o SCIA più autorizzazioni) o le altre segnalazioni in allegato alla SCIA unica (CILA e SCIA più altre segnalazioni o comunicazioni).

modelli ristrutturazione
Modello Unico SCIA

Il nuovo modulo della SCIA (compresa la SCIA alternativa al permesso di costruire) è organizzato in due sezioni:
– la prima è dedicata ai dati, alla segnalazione e alla dichiarazione del titolare (proprietario, affittuario etc.);
– la seconda parte è riservata alla relazione di asseverazione del tecnico.

Questa nuova modulistica informatizzata consentirà a tecnici e cittadini di selezionare e compilare solo le opzioni di proprio interesse, creando un percorso telematico guidato e personalizzato.

CILA e Agibilità

I moduli della CILA e dell’agibilità sono più snelli e raccolgono in un unico documento le dichiarazioni del titolare, l’asseverazione del tecnico e il quadro riepilogativo.
Se, contestualmente alla CILA, sono necessarie altre comunicazioni, segnalazioni o autorizzazioni, i tecnici potranno compilare gli appositi campi utilizzando le informazioni contenute nella relazione della SCIA e nella relativa lista di controllo.

Per essere sicuro di presentare i moduli giusti, meglio se ti rivolgi a professionisti esperti.

foto autore
Elena Liziero

Articoli correlati

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzazione

Il recupero di un rustico di campagna

La ristrutturazione di una vecchia fattoria rurale trasformata in un hotel di campagna, decorato con mobili di recupero, in chiave rustica e vintage.

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX