foto autore
Elena Liziero

I vantaggi di ristrutturare un condominio

Legambiente ha effettuato uno studio nel quale emerge che solo il 6% delle abitazioni italiane è in classe A mentre il 39% è in classe G (la peggiore). Per migliorare la situazione sarebbe necessario riqualificare almeno 30 mila edifici all’anno. L'aiuto arriva grazie agli incentivi fiscali per la ristrutturazione, che arrivano a coprire fino all'85% delle spese per i lavori in condominio: ecco quali sono.

Dal monitoraggio di Legambiente è emerso che il patrimonio edilizio italiano è costituito soprattutto da “case colabrodo” cioè che disperdono energia termica d’inverno e si surriscaldano d’estate, quindi sprecano energia. Inoltre molti condomini sono stati costruiti nel dopoguerra con materiali e tecniche non efficienti e, in alcuni casi, anche poco salutari.

Dalle ispezioni termografiche esterne è emerso che tutti gli edifici monitorati complessivamente non sono efficienti a livello termico. Le superfici verticali e orizzontali sono caratterizzate da debole tenuta termica, così come gli infissi e i serramenti che andrebbero sostituiti.

Nel 39% dei casi la classe energetica è la peggiore (classe G) e solo nel 6% dei casi è la migliore (classe A).

Secondo Legambiente per ridurre i consumi energetici bisogna attivare seri interventi di riqualificazione e di efficientamento energetico al ritmo di 30mila condomini all’anno entro il 2030, partendo da quelli con maggiori problemi di efficienza energetica.

I vantaggi di ristrutturare i condomini

Restaurare migliaia di condomini, come auspica Legambiente, ha tanti vantaggi:

  • risparmi in bolletta per le famiglie
  • minori emissioni in atmosfera
  • incremento dei valori immobiliari (stimati da vari studi in un range compreso tra il 5 e il 15% per abitazioni ristrutturate con standard energetici e ambientali)
  • creazione di nuovi posti di lavoro
  • ultimo aspetto, quello che approfondiremo, il recupero di condomini esistenti è incentivato in varie forme ed è economicamente vantaggioso.
Ristrutturare un condominio non solo ti permette di diminuire le spese in bollette e di aumentare il benessere e la salubrità del tuo appartamento, ma, grazie ai bonus casa, i lavori sono incentivati dal 50% all'85%.

Gli incentivi per chi ristruttura un condomino

I lavori di ristrutturazione in condominio, come quelli nell’abitazione singola, sono incentivati con il 50% della detrazione Irpef.

La detrazione del 50% è riconosciuta per:

  • lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati su parti comuni di edifici residenziali, cioè su condomini
  • interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati su singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e pertinenze.

Alcuni esempi di lavori di manutenzione ordinaria per cui è riconosciuto il bonus ristrutturazioni sono i seguenti:

  • installazione di ascensori e scale di sicurezza
  • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici
  • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso
  • rifacimento di scale e rampe
  • recinzione dell’area privata
  • costruzione di scale interne.

condominio
Per gli interventi volti alla riqualificazione energetica, l’Ecobonus è al 50% per i condomini come per le case singole per questo tipo di lavori:

  • sostituzione di finestre comprensive d’infissi
  • schermature solari
  • caldaie a biomassa
  • caldaie a condensazione purché in classe A. Le caldaie a condensazione possono, tuttavia, accedere alle detrazioni del 65% se oltre ad essere in classe A sono dotate di sistemi di termoregolazione evoluti.

L’Ecobonus sale al 65% per i seguenti interventi:

  • coibentazione dell’involucro opaco
  • pompe di calore
  • sistemi di building automation
  • collettori solari per produzione di acqua calda
  • scaldacqua a pompa di calore
  • generatori ibridi, cioè costituiti da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro.

Ecobonus condomini dal 70 all’85%:

Nel caso in cui gli interventi e le spese di ristrutturazione per migliorare l’efficienza energetica interessino l’intero involucro dell’edificio, l’Ecobonus è al 70% (nel caso in cui i lavori incidano sul 25% della superficie complessiva del condominio), mentre sale al 75% se la riqualificazione energetica è finalizzata al miglioramento e al risparmio sulla spesa energetica sia estiva che invernale.
Qualora gli stessi interventi siano realizzati in edifici appartenenti alle zone sismiche 1, 2 o 3 e siano finalizzati anche alla riduzione del rischio sismico determinando il passaggio a una classe di rischio inferiore, è prevista una detrazione dell’80%. Con la riduzione di 2 o più classi di rischio sismico la detrazione prevista passa all’85%.

Il limite massimo di spesa consentito, in questo caso passa a 136.000 euro, moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio.

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX
Realizzazione

Appartamenti mansardati per le vacanze in Puglia

Atmosfere tra l’antico e il moderno per due appartamenti mansardati, annessi a un lussuoso albergo in Puglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide di Mansarda

Scopri tutti i vantaggi del vivere in mansarda