foto autore
Elena Liziero

Norme per un sottotetto abitabile

Un sottotetto per diventare una mansarda abitabile deve rispettare una serie di norme specifiche nazionali, regionali e comunali. Ecco le norme di riferimento e le dritte per creare una mansarda a regola d'arte.

Quali sono le norme per rendere un sottotetto abitabile?

Ci sono delle norme nazionali che stabiliscono l’altezza minima abitabile (2,7 metri) e i rapporti aero-illuminanti minimi (1/8). Ma ogni Regione italiana ha una legge per il recupero dei sottotetti che prevede valori diversi sia delle altezze medie e minime (che spesso sono ancora inferiori per i locali di servizio) sia del rapporto aero-illuminante. Infine ci sono eccezioni anche a livello locale.
norme per sottotetto abitabile

Prima di effettuare lavori di recupero di un sottotetto è bene chiedere all'ufficio tecnico comunale i parametri richiesti a livello regionale e se vi sono eventuali eccezioni a livello locale su altezze medie, minime e rapporto aero-illuminante.

Altezze medie e minime

Secondo la norma nazionale, l’altezza minima dal pavimento al soffitto deve essere di 2,70 metri per tutti gli ambienti vivibili e di 2,4 metri per i locali di servizio, come bagni e corridoi.

Nei comuni montani al di sopra dei 1.000 metri può essere consentita, a causa delle tipologie costruttive locali, una deroga alle altezze minime nazionali fino a 2,55 metri per ambienti abitabili.

Le leggi regionali hanno modificato la normativa nazionale non solo modificando le altezze minime consentite in mansarda, ma fissando anche un nuovo parametro: l’altezza media ponderale che si calcola dividendo il volume della parte di sottotetto la cui altezza superi quella minima per la superficie relativa.

Rapporto aeroilluminante e fattore medio di luce

Il Decreto Ministeriale del 5 luglio 1975 stabilisce a livello nazionale che “per ciascun locale d’abitazione, l’ampiezza della finestra deve essere proporzionata in modo da assicurare un valore di fattore di luce diurna medio non inferiore al 2% e comunque la superficie finestrata apribile non dovrà essere inferiore a 1/8 della superficie del pavimento”.

La norma stabilisce un rapporto aeroilluminante minimo di (1/8) della superficie e il Fmld (fattore medio di luce diurna) del 2%. Anche in questo caso a livello regionale sono state fatte delle deroghe. Nonostante le concessioni di alcune regioni, ricordiamo che una stanza ben illuminata ha un Fmld almeno del 4/5%, quindi aggiungere finestre per tetti è utile non solo per rispettare le norme per l’abitabilità dei sottotetti ma anche per aumentare l’illuminazione naturale e il benessere e la vivibilità di una mansarda.

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX
Realizzazione

Stanza della musica in mansarda

Luminosità e calore sono il segreto che rende unico un attico adibito a zona musica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide di Mansarda

Scopri tutti i vantaggi del vivere in mansarda