8 passi per iniziare a restaurare una mansarda

Prima di iniziare a restaurare una mansarda ci sono una serie di passaggi da fare, eccoli.

Sono tante le ragioni per cui puoi decidere di restaurare una mansarda: gli incentivi, il fatto di ricavare una stanza in più senza cambiare casa, l’aumento del valore del tuo immobile.
Ma cosa devi fare prima di cominciare i lavori? Ecco 8 passaggi indispensabili prima di avviare una ristrutturazione.

1. Scegliere il progettista

Il primo professionista da contattare in caso di ristrutturazione è un progettista come un architetto, ingegnere o geometra. Questo perché per tutte le opere ad esclusione della manutenzione ordinaria (ovvero i lavori in casa che non hanno bisogno di permessi) è obbligatorio che il progetto sia firmato da un tecnico abilitato ed iscritto all’Ordine o Collegio professionale.

2. Il rilievo

Le prime idee possono essere disegnate sulla planimetria catastale (verificato che essa sia aggiornata) e servono a capire le potenzialità del sottotetto e la fattibilità degli interventi. In seguito è bene eseguire un rilievo architettonico e fotografico accurato, passo fondamentale per sviluppare un buon progetto di ristrutturazione.

3. Il progetto della mansarda

Una volta rilevata la planimetria dello stato attuale della mansarda o del sottotetto, il progettista redigerà il progetto definitivo, tenendo conto delle tue esigenze, delle tue preferenze estetiche ma anche della fattibilità urbanistica, strutturale ed impiantistica.

A seconda del tipo di ristrutturazione è possibile che il progettista abbia la necessità di chiedere una consulenza anche ad un ingegnere strutturista e/o ad un termotecnico, per coordinare tutti gli aspetti del progetto (rinforzi strutturali, isolamento, adeguamento a norma degli impianti, ecc).

4. Il computo metrico

In base al progetto, il progettista preparerà il computo metrico, ovvero l’elenco dei lavori da eseguire con le relative quantità e costi.
Il progettista deve inserire su ciascuna voce del computo metrico il prezzo medio della zona, ricavabile ad esempio dal Bollettino Ufficiale Ingegneri. Il computo diventa estimativo, cioè si tratta di una stima base del costo dei lavori del tuo restauro.

Gli incentivi per la ristrutturazione saranno rinnovati anche il prossimo anno, quindi sarà ancora molto conveniente recuperare sottotetti. Tra le spese incentivate, anche quelle delle consulenze dei professionisti.

5. Il preventivo

A questo punto arriva per te il momento di chiedere vari preventivi a più ditte, le quali faranno il capitolato dei lavori aggiungendo il prezzo unitario a ciascuna voce del computo metrico e specificando, in eventuali allegati, i materiali base che intendono fornirti.

Sulla base dei preventivi sceglierai anche i professionisti a cui affidare i lavori di ristrutturazione da un punto di vista operativo. Dovrai poi pagare i lavori con dei bonifici parlanti per poter usufruire degli incentivi per la ristrutturazione.

6. Il Coordinatore della Sicurezza

Se hai scelto per i lavori più di una ditta, ad esempio una che esegue i lavori di muratura, una che esegue gli impianti termoidraulici o elettrici, per legge devi nominare un Coordinatore della Sicurezza sui Cantieri che sia tra i tecnici abilitati a questa mansione, purché non in conflitto d’interessi con le imprese che eseguono i lavori.
Tra i vari compiti, il Coordinatore deve redigere il Piano della Sicurezza sui Cantieri, elabora il cronoprogramma con il diagramma di gestione delle interferenze e tempistiche tra lavori e invia la Notifica Preliminare alla Asl territorialmente competente.

In alcuni casi, anche se i lavori sulla tua mansarda li esegue una sola ditta, può essere obbligatorio il Coordinatore: chiedi al tuo progettista se nel tuo caso hai questo obbligo o meno.

7. Il Direttore dei Lavori

Prima dell’inizio lavori, è obbligatorio nominare anche un Direttore dei Lavori che ha il compito di vigilare, eseguendo sopralluoghi periodici per verificare l’operato della ditta, il rispetto del progetto e del capitolato (deve fare il controllore affinchè i lavori siano tutti a regola d’arte).
Il ruolo di Direttore Lavori è di solito affidato al progettista stesso, ma può essere incaricato anche il coordinatore o un professionista esterno, anche in questo caso non deve essere collegato alle ditte che eseguono i lavori per evitare conflitti di interessi.

8. Il permesso di costruire

Alla fine, dopo aver redatto il progetto e dopo aver scelto tutte le figure necessarie per avviare i lavori, il progettista deve solo completare la documentazione e i moduli richiesti per presentare la pratica in Comune. Se servono la SCIA o CILA, contestualmente deve indicare anche la data di inizio lavori. Se la mansarda si trova in zona vincolata, ad esempio in centro storico, sono necessarie anche le apposite Autorizzazioni prima di iniziare i lavori.

foto autore
Elena Liziero

Articoli correlati

Vuoi saperne di più su come progettare una mansarda accogliente e funzionale?

Quali sono i requisiti normativi, come sfruttare la luce naturale e zenitale, come migliorare il comfort in mansarda. Nella guida “Progettare una mansarda” troverai tutto quello che c’è da sapere per dare più valore all’ultimo piano.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista?  Contatta un progettista del Club VELUX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Soggiorno
Realizzazione

La conversione di un vecchio sottotetto in una mansarda moderna

Una vecchia soffitta in cattive condizioni è stata trasformata in una mansarda open space, che segue la forma dei locali, con solo le pareti indispensabili, dove sono stati evidenziati gli elementi esistenti, come le travi del tetto e le finestre che illuminano ogni angolo.

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX