Criteri Ambientali Minimi (CAM): luce naturale e mansarde

I Criteri Ambientali Minimi (CAM) negli appalti pubblici sono i requisiti ambientali definiti per le varie fasi del processo di acquisto, hanno l'obiettivo di individuare la soluzione progettuale, il prodotto o il servizio migliore a livello ambientale. Tra le regole da seguire è indicato anche il Fattore Medio di Luce minimo da rispettare, che è lo stesso delle mansarde private.

I CAM per l’affidamento di lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici fissano importanti paletti sui progetti, con assegnazione di punteggi maggiori per chi utilizza determinati standard internazionali. I CAM hanno l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale e di promuovere modelli di produzione e consumo più sostenibili e nel diffondere l’occupazione “verde”.

L’allegato al decreto che contiene i CAM indica dettagliatamente tutte le specifiche tecniche per i materiali utilizzati e per alcuni componenti edilizi.

I CAM indicano prescrizioni riguardo alla:

  • riduzione del consumo di suolo e mantenimento della permeabilità dei suoli
  • superficie territoriale permeabile della superficie di progetto e alla superficie da destinare a verde
  • illuminazione naturale.

I CAM non riguardano quindi solo i prodotti da costruzione ma anche il progetto stesso, che deve soddisfare alcuni requisiti tra i quali l’illuminazione naturale.

Il progettisti del club VELUX possono aiutare a predisporre la relazione tecnica, con relativi elaborati grafici, necessaria alla verifica dell'illuminazione naturale in mansarda e non solo.

CAM e Fattore Medio di Luce

Secondo i CAM, nei locali deve essere garantito un Fattore Medio di Luce diurna maggiore del 2% eccetto gli interventi di ristrutturazione edilizia o restauro  conservativo per i quali ci sono delle norme di tutela dei beni architettonici (decreto legislativo 42/2004) o specifiche indicazioni da parte delle Soprintendenze.

Qualora l’orientamento del lotto e/o le preesistenze lo consentano le superfici illuminanti della zona giorno (soggiorni, sale da pranzo, cucine abitabili e simili) dovranno essere orientate a sud-est, sud o sud-ovest.

Le vetrate con esposizione sud, sud-est e sud-ovest dovranno disporre di protezioni esterne progettate in modo da non bloccare l’accesso della radiazione solare diretta in inverno.

Bisogna prevedere l’inserimento di dispositivi per il direzionamento della luce e/o per il controllo dell’abbagliamento in modo tale da impedire situazioni di elevato contrasto che possono ostacolare le attività.

La luce naturale è quindi molto importante non solo nei luoghi pubblici, a cui si riferiscono i CAM, ma anche nelle nostre mansarde private dove il Fattore Medio di Luce è fissato per legge (art. 5 del DM 05/07/1975) e non deve essere inferiore al 2%.

foto autore
Elena Liziero

Articoli correlati

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzazione

Ristrutturazione di un sottotetto con vista sul mare

Una ristrutturazione che punta sulla luce naturale con tante aperture e finestre per tetti per creare una mansarda luminosa e confortevole.

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX