Super Ecobonus: 5 domande frequenti

Ecco le risposte ufficiali dell'Enea alle domande più frequenti su Ecobonus e Superbonus se vuoi fare dei lavori di riqualificazione energetica nella tua mansarda.

Gli incentivi fiscali attivi per i lavori in casa sono davvero tanti, tra i più richiesti vi sono gli Ecobonus, ovvero i lavori di riqualificazione energetica, che possono essere dal 50% al 65% e, a determinate condizioni, possono arrivare al 110% grazie ai super Ecobonus. Ecco 5 risposte che possono esserti utili prima di iniziare i lavori di miglioramento energetico del tuo sottotetto o mansarda.

E’ possibile fare più lavori trainanti in contemporanea?

Per quanto riguarda il super Ecobonus al 110%, ricordiamo che per potervi accedere devi fare almeno uno dei seguenti lavori principali, cosiddetti trainanti:

  • i lavori di coibentazione (isolamento) dell’edificio che riguardino oltre il 25% dell’intonaco, con un tetto massimo di 60mila euro per singola unità immobiliare
  • interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti a pompa di calore, inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo e impianti di microcogenerazione
  • gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati.

Quindi sì, puoi fare più di un intervento trainante, ed è vantaggioso. Come chiarito nella circolare dell’Agenzia delle Entrate “nel caso in cui sul medesimo immobile siano effettuati più interventi agevolabili, il limite massimo di spesa detraibile sarà costituito dalla somma degli importi previsti per ciascuno degli interventi realizzati.” Quindi i limiti di spesa massima si sommano e ti consentono di coprire più spese.

Per usufruire del super Ecobonus, posso detrarre lavori iniziati prima del 1 luglio 2020?

La super detrazione del 110% si applica “per le spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dal 1° luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo.”

La norma, in sostanza, non fa riferimento alla data di inizio dei lavori ma specifica che la detrazione del 110% si applica alle spese sostenute a partire dal 1° luglio 2020.

Per poter usufruire dello sconto vi sono ovviamente vari vincoli da rispettare: i limiti di spesa, le caratteristiche che devono avere i materiali isolanti, il miglioramento di due classi energetiche o il raggiungimento della migliore possibile.
Qui un articolo per approfondire il super Ecobonus.

camera in mansarda

Quali attestati di prestazione energetica (APE) vanno presentati per ottenere il super Ecobonus?

Per uniformare l’applicazione del Superbonus in tutta Italia, il criterio di classi energetiche che si deve usare è quello previsto dal decreto del 26 giugno 2015. Si può anche usare il criterio previsto dalla corrispondente norma regionale, a condizione che la Regione dichiari che si ottengano le stesse classificazioni energetiche.

L’APE ante intervento deve riferirsi alla situazione esistente alla data di inizio dei lavori.
L’APE post intervento serve per la verifica del conseguimento del miglioramento di due classi energetiche o della migliore possibile alla conclusione del lavori.

Per accedere a Ecobonus e Superbonus è richiesta presenza di impianto di climatizzazione invernale?

Per poter usufruire dell’Ecobonus e del super Ecobonus, l’edificio in cui fai i lavori, deve essere già dotato di impianto di climatizzazione invernale, come previsto dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 36 del 2007.

Il più recente Decreto 48/2020 non considera “impianti termici i sistemi dedicati
esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità
immobiliari ad uso residenziale ed assimilate”. Per ottenere l’Ecobonus o il
Superbonus, l’impianto di climatizzazione invernale deve essere fisso, può essere alimentato con qualsiasi vettore energetico e non ha limiti sulla potenza minima inferiore.

L’impianto deve essere funzionante o, se ad esempio è vecchio e/o rotto, riattivabile con un intervento di manutenzione. Quindi, se recuperi un sottotetto, per usufruire dell’Ecobonus o Superbonus, deve essere riscaldato, altrimenti potrai usufruire della detrazione fiscale per la ristrutturazione al 50%.

Nel caso di demolizione e ricostruzione con ampliamento, quali sono le spese ammesse?

Dalle spese sostenute a partire dal 1° luglio 2020 devi scorporare le spese derivanti all’ampliamento. Nel super Sismabonus, la parte di volume eccedente rispetto all’immobile demolito va calcolata quindi come ampliamento volumetrico, non può quindi essere inclusa negli incentivi in quanto considerata costruzione ex novo.

foto autore
Elena Liziero

Articoli correlati

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

detrazioni
Realizzazione

Super Ecobonus: 5 domande frequenti

Ecco le risposte ufficiali dell'Enea alle domande più frequenti su Ecobonus e Superbonus se vuoi fare dei lavori di riqualificazione energetica nella tua mansarda.

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX