Tutto quello che devi sapere sui Bonus casa

Nel 2020, oltre ai classici Bonus ristrutturazioni ed Ecobonus, sono stati introdotti anche i superbonus. Ecco tutte le agevolazioni di cui puoi usufruire se ristrutturi la mansarda.

Ecco una carrellata delle agevolazioni fiscali 2020 per i lavori sulla tua mansarda.

Super Ecobonus al 110%

Iniziamo dalla novità di quest’anno, l’incentivo più generoso di sempre, una detrazione Irpef al 110% se, dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2021, fai almeno uno di questi lavori:

  1. lavori di isolamento che riguardino oltre il 25% dell’intonaco (compreso l’isolamento del tetto).
  2. interventi per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale condominiale sostituendoli con un altro sistema centralizzato ad alto risparmio energetico.
  3. lavori per ristrutturare impianti termici sostituendoli con un altro sistema centralizzato ad alto risparmio energetico per case singole o a schiera.

Puoi usufruire di questi super incentivi per non più di due immobili (comprese seconde case), e la casa su cui fai i lavori non deve essere considerata di lusso, cioè non deve appartenere a queste categorie catastali:

  • A1: abitazioni di tipo signorile
  • A8: ville e castelli
  • A9: palazzi di pregio artistico o storico.

Se, in contemporanea con almeno uno di questi 3 lavori principali, detti trainanti, fai anche altri interventi che rientrano nel vecchio Ecobonus, anche queste spese secondarie, dette trainate, diventano detraibili con il 110%.

Per esempio potrai migliorare l’efficienza energetica della tua mansarda e detrarre al 110% anche i lavori di:

Per approfondire, qui trovi un articolo con i massimali di spesa e altre informazioni sui super Ecobonus.

Super Sismabonus

Dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, se fai lavori di miglioramento sismico, ti conviene sfruttare il super Sismabonus.

I lavori di “adeguamento sismico” e “miglioramento sismico” previsti dall’incentivo al 110% sono praticamente gli stessi del vecchio Sismabonus, cambia solo la percentuale di detrazione, che è più alta. Ecco quali sono i lavori detraibili:

  • demolizione e ricostruzione totale
  • interventi di miglioramento che hanno l’obiettivo di aumentare la sicurezza strutturale preesistente
  • interventi di riparazione locali: cioè lavori su singoli elementi strutturali.

Gli interventi per essere incentivabili devono essere fatti solo su zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) e nella zona 3, resta esclusa solo la zona 4.

Per ottenerlo, devi dichiarare che l’intervento abbia determinato una riduzione del rischio sismico di almeno una classe (mentre nel “vecchio” Sismabonus ci sono percentuali di detrazione diverse a seconda del grado di miglioramento).

Ecobonus classico

Quest’anno è stato surclassato dalla sua versione “super” al 110%, ma il vecchio Ecobonus può essere ancora vantaggioso per te sia nel caso tu debba solo fare una sostituzione di finestre e tapparelle senza lavori pesanti “trainanti”, sia nel caso tu debba fare un vero e proprio intervento pesante di recupero di un sottotetto, dove, se le spese per miglioramento energetico superano il tetto del super Ecobonus, quelle eccedenti puoi farle ricadere nel “vecchio” Ecobonus, sfruttando così entrambi gli incentivi.

L’Ecobonus classico prevede il 50% di detrazione Irpef per le spese di:

  • sostituzione degli infissi e serramenti
  • sostituzione di tende e tapparelle
  • caldaie senza termovalvole
  • stufe a legna o a pellet, a patto che il produttore abbia attestato il rendimento energetico.

Il “vecchio” Ecobonus prevede inoltre incentivi fiscali al 65% per interventi di

  • coibentazione dell’involucro opaco
  • pompe di calore
  • sistemi di building automation
  • collettori solari per produzione di acqua calda
  • scaldacqua a pompa di calore
  • generatori ibridi.

Ovviamente questi interventi per il miglioramento energetico della mansarda sono più convenienti nella versione super Ecobonus, ma sono vincolati alla realizzazione di almeno uno dei lavori trainanti.

La sostituzione delle finestre, a seconda del tipo di lavori complessivi alla mansarda che vuoi fare, può essere incentivata al 50% o al 110% (la percentuale più alta di incentivo la ottieni se fai anche altri interventi sostanziosi di miglioramento energetico previsti dal super Ecobonus).

salottoBonus ristrutturazioni

Storicamente è uno degli incentivi attivi da più tempo, e probabilmente questa detrazione fiscale sarà prorogata anche nel 2021.

Si tratta della detrazione fiscale del 50%:

  •  per gli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia fatti sulle singole unità immobiliari residenziali
  • per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati sulle parti comuni degli edifici condominiali.

Per approfondire, ecco un articolo su Bonus ristrutturazione e recupero sottotetti.

Bonus mobili

Il Bonus mobili, prorogato fino al 31 dicembre 2020, consiste in una detrazione Irpef del 50% su una spesa massima di 10mila euro per l’acquisto di nuovi arredi ed elettrodomestici in classe A+ (A per forni e lavasciuga), ma puoi ottenerlo solo in contemporanea al bonus Ristrutturazioni. In sostanza, puoi detrarre i mobili che ti serviranno per arredare l’immobile (come ad esempio la tua mansarda) oggetto della ristrutturazione. Puoi detrarre con il Bonus mobili anche le spese di trasporto e montaggio del mobilio.

Bonus verde

Il Bonus verde è una detrazione al 36%, fino a un tetto di spesa di 5mila euro per unità immobiliare, per i lavori di sistemazione a verde.

In dettaglio, sono incentivabili con il Bonus verde, anche nel terrazzo della tua mansarda:

  • la fornitura e messa a dimora di piante o arbusti di qualsiasi genere o tipo
  • la riqualificazione di tappeti erbosi
  • la realizzazione di impianti di irrigazione
  • realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Se vuoi approfondire, ecco come sfruttare il Bonus verde per il tuo terrazzo.

Bonus Facciate

Un incentivo relativamente recente e conveniente è il bonus Facciate.

Il Bonus facciate consente di recuperare il 90% dei costi sostenuti nel 2020 per i lavori di restauro delle facciate di case, condomini e anche della tua mansarda.

Per ottenere il Bonus facciate devi realizzare interventi di recupero o restauro della facciata esterna di un edificio esistente, di qualsiasi categoria catastale.

L’unica limitazione importante per usufruire di questo Bonus super conveniente è che la tua mansarda si deve trovare nelle zone A (centri storici) e B (zone totalmente o parzialmente edificate, adiacenti ai centri storici).

Ecco un approfondimento sul Bonus facciate.

Per capire qual è o quali sono gli incentivi che puoi ottenere per il restauro della tua mansarda, ti consigliamo di avvalerti della consulenza di professionisti esperti.

foto autore
Elena Liziero

Articoli correlati

Vuoi saperne di più su come funziona il bonus fiscale del 50%?

Ristrutturare il sottotetto costa la metà, grazie alla detrazione IRPEF del 50%. Nella “Guida al bonus fiscale del 50%” troverai tutto quello che c’è da sapere sull’incentivo per gli interventi di ristrutturazione.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista? Contatta un progettista del Club VELUX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Realizzazione

Il recupero di una casa antica con mansarda

La sovrapposizione di epoche storiche e stili architettonici diversi caratterizza questa affascinante casa su più livelli e con una luminosa mansarda.

Club progettisti VELUX

E' arrivato il momento di ristrutturare il sottotetto? Trasformalo in una luminosa mansarda. Affidati all'esperienza del Club Progettisti VELUX.

Trova un progettista Sei un progettista? Scopri i vantaggi del Club VELUX