foto autore
Elena Liziero

Il rapporto aeroilluminante

Per trasformare un sottotetto in una mansarda abitabile è necessario rispettare alcune caratteristiche di abitabilità: una di questa è il corretto rapporto aeroilluminante, ovvero il rapporto tra la superficie del pavimento e quella delle finestre.

Oltre all’altezza minima, è necessaria anche una corretta illuminazione e ventilazione degli ambienti, affinché la mansarda possa essere idonea ad accogliere persone al suo interno. La normativa nazionale (Decreto Ministeriale 5 luglio 1975) stabilisce un Fattore Medio di Luce Diurna non inferiore al 2% e una superficie apribile non inferiore a 1/8 della superficie calpestabile.

Entrambi i fattori determinano il rapporto aeroilluminante che deve assicurare due condizioni: luce e ricambio d’aria sufficiente all’interno dei locali.

Per ogni tipologia di abitazione il rapporto aeroilluminante (ovvero il rapporto tra la superficie del pavimento e quella della finestre) non deve essere inferiore a 1/8.

Anche in questo caso molte leggi regionali sul recupero ad uso abitativo dei sottotetti hanno modificato la normativa nazionale:

  • Per le leggi regionali il rapporto aeroilluminante è calcolato in genere solo sulla parte di pavimento dove si supera l’altezza minima consentita: ad esempio in Veneto l’altezza minima è di 1,8 metri, in Calabria, Lombardia, Sardegna e Sicilia di 1,5 metri.  Ci sono poi alcune deroghe previste sia a livello regionale che comunale per zone montane e centri storici;
  • In alcune Regioni, ad esempio in Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Toscana, Umbria e in Veneto, è previsto un rapporto aeroilluminante di 1/16, quindi più basso rispetto quello stabilito a livello nazionale. Il che significa che un locale di 40 metri quadrati dovrà avere una superficie vetrata minima di 2,5 metri quadrati.

Nonostante la normativa, che ricordiamo fissa i limiti minimi, numerosi studi hanno dimostrato che un fattore di luce diurna medio del 5% garantisce comfort visivo e risparmio energetico.

Per ottenere un fattore di luce diurna maggiore è indispensabile valutare l’orientamento della casa, il posizionamento delle finestre e la loro quantità.

Spesso, a parità di superficie finestrata, la quantità di luce varia moltissimo proprio in funzione della tipologia di finestra inserita.

Facciamo un esempio:

– area stanza 12,5 m²
– altezza soffitto 2,7m,
– area finestra/area stanza 1:8

Calcoliamo con un apposito software (VELUX Daylight Visualizer) il fattore di luce diurna con tre diverse tipologie di finestre: una finestra in verticale, un abbaino, una finestra per tetti

Ecco il risultato:

La finestra in verticale e l’abbaino non raggiungono il minimo richiesto dalla legge per quanto riguarda il Fattore di Luce Diurna. Pertanto la stanza non solo non è a norma, ma non è sicuramente nemmeno confortevole.

L’inserimento di una finestra per tetti consente di raggiungere e addirittura di superare il minimo richiesto nonostante la superficie vetrata sia la medesima nei tre casi.

Ciò è possibile per due principali motivi:
– la finestra posta sul tetto riceve una maggiore quantità di luce
– l’imbotte interno permette una migliore e più profonda distribuzione della luce nella stanza

Vuoi saperne di più su come progettare una mansarda accogliente e funzionale?

Quali sono i requisiti normativi, come sfruttare la luce naturale e zenitale, come migliorare il comfort in mansarda. Nella guida “Progettare una mansarda” troverai tutto quello che c’è da sapere per dare più valore all’ultimo piano.

Scarica la Guida Cerchi il supporto di un professionista?  Contatta un progettista del Club VELUX
LE GUIDE DI MANSARDA.IT

Da sottotetto a mansarda

Più spazio e più valore alla tua casa
Scarica la guida

Rispondi a Angelo Caneve Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti degli utenti

Erika
Nel calcolo su 1/8 si contano anche i portoncini? Rispondi
Silvia Torneri
Buongiorno Erika, nel calcolo si contano le superfici vetrate, quindi se il portoncino è cieco purtroppo no. Buona giornata. Silvia Torneri - Redazione mansarda.it Rispondi
paola
buonasera sto valutando l'acquisto di una mansarda, circa 25 mq calpestabili, altezza media 2,30 (min 166 max 295) accatastata A4, on una finestra ( a stima 1 mq). Ha tutti gli impianti (elettrico, gas, idrico) ma e mancante di wc per cui sto valutando un sanitrit.Ho letto le vs utili indicazioni e non ho capito se le altezze medie, il rapporto aereo illuminante, etc, si applichino solo alle nuove realizzazioni o anche alle vecchie.Se la mansarda in oggetto è accatastata come a4 vuol dire che è in regola con la normativa?grazie Paola Rispondi
Silvia Torneri
Gentile Paola, le mansarde esistenti devono rispettare i parametri descritti nelle Leggi regionali per il recupero dei sottotetti clicca qui. Ti consiglio di verificare cosa prevede la normativa nella tua regione e comunque di rivolgerti a un tecnico specializzato (geometra o architetto) che potrà chiarire ogni tuo dubbio. Buona fortuna. Silvia Torneri - Redazione mansarda.it Rispondi
Angelo Caneve
Condivido quanto illustrato, non condivido la normativa imposta in Belluno (ULSS n. 1) ove una finestra a Tetto (Velux) viene considerata per luce ma non per ventilazione: per ottenere l'agibilità necessita anche una finestra verticale. Rispondi

Rispondi a Angelo Caneve Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le guide di Mansarda

Scopri tutti i vantaggi del vivere in mansarda